INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA 4/06030 presentata da PISAPIA GIULIANO (RIFONDAZIONE COMUNISTA-PROGRESSISTI) in data 19961211

http://dati.camera.it/ocd/aic.rdf/aic4_06030_13 entità di tipo: aic

Al Ministro di grazia e giustizia. - Per sapere - premesso che: Natalia Ligas, condannata all'ergastolo per reati di terrorismo nel 1982, e' attualmente reclusa nel carcere di Messina; Caterina Calia, avvocato difensore di Natalia Ligas, ha deciso di denunciarne il "particolare" stato di detenzione: nel 1992, infatti, e' stata trasferita nella casa circondariale di Messina, nella sezione di massima sicurezza; le e' stata negata ogni possibilita' di intrattenere relazioni sociali; le viene offerta la sola possibilita' di fare colloqui - ogni due o tre mesi - con la sorella. Col passare del tempo il trattamento si e' rivelato sempre piu' punitivo: le si nega la possibilita' di studiare e, dopo quindici anni di detenzione, Natalia Ligas e' ancora soggetta al regime di massima sicurezza: dispone di due ore d'aria al giorno, per poi restare chiusa in cella, da sola, per il resto del giorno; e nessun volontario penitenziario la puo' avvicinare; nel gennaio del 1996, - in occasione della morte della sorella - a Natalia Ligas non e' stato concesso un permesso con scorta per recarsi al cimitero: il magistrato di sorveglianza lo ha rigettato a causa della sua "pericolosita'", desunta dai reati per i quali era stata condannata; secondo l'articolo 42 dell'ordinamento penitenziario, "i trasferimenti sono disposti per gravi e comprovati motivi di sicurezza, per esigenze dell'istituto, per motivi di giustizia, di salute, di studio e familiari. Nel disporre i trasferimenti deve essere favorito il criterio di destinare i soggetti in istituti prossimi alla residenza delle famiglie": tuttavia, le istanze di trasferimento presentate dall'avvocato Calia non hanno mai avuto risposta -: se non ritenga ingiusto e immotivato un trattamento penitenziario cosi' inutilmente afflittivo; se non ritenga che, proprio grazie all'articolo 42 dell'ordinamento penitenziario, Natalia Ligas andrebbe trasferita dalla casa circondariale di Messina a un carcere piu' vicino alla residenza dei familiari. (4-06030)
xsd:string INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA 4/06030 presentata da PISAPIA GIULIANO (RIFONDAZIONE COMUNISTA-PROGRESSISTI) in data 19961211 
xsd:integer
19961211-19961217 
INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA 4/06030 presentata da PISAPIA GIULIANO (RIFONDAZIONE COMUNISTA-PROGRESSISTI) in data 19961211 
INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA 
xsd:dateTime 2014-05-15T10:42:19Z 
4/06030 
PISAPIA GIULIANO (RIFONDAZIONE COMUNISTA-PROGRESSISTI) 

risorse dalla linked data cloud