INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE 5/01431 presentata da MISITI AURELIO SALVATORE (ITALIA DEI VALORI) in data 20090519

http://dati.camera.it/ocd/aic.rdf/aic5_01431_16 entità di tipo: aic

Atto Camera Interrogazione a risposta in Commissione 5-01431 presentata da AURELIO SALVATORE MISITI martedi' 19 maggio 2009, seduta n.179 MISITI. - Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, al Ministro dello sviluppo economico. - Per sapere - premesso che: l'AMS (Alitalia Maintenance Systems) e' una societa' privata controllata al 60 per cento da Alitalia Servizi e al 40 per cento dalla tedesca Lufthansa Technik, societa' che si occupa della manutenzione dei motori degli aerei; l'AMS (Alitalia Maintenance Systems) e' un'azienda sana, conti in attivo e bilancio economico positivo; e proprio dall'ultimo bilancio disponibile relativo all'anno 2007, emerge che AMS ha chiuso i conti in sostanziale pareggio fatturando circa 110 milioni di euro, il tutto in piena crisi Alitalia. Nonostante cio', AMS rischia di chiudere; lo scorso anno per salvare la compagnia di bandiera e la maggioranza dei suoi dipendenti, e per «salvaguardare» l'italianita' della societa', il Ministero dell'economia ha dato mandato al Commissario straordinario di trovare un acquirente per Alitalia. Affinche' l'operazione andasse in porto, il Commissario scelse di spezzettare la societa'. Gli asset produttivi di Alitalia, poi rilevata dalla cordata di imprenditori guidata da Colaninno, vennero messi in vendita mentre, per tutti i debiti e le divisioni in perdita, e' stata costituita una bad company, nella quale e' finita anche Alitalia servizi e le altre societa' controllate dalla stessa, quindi anche l'AMS; in data 30 aprile 2009 e' scaduto il bando di gara pubblico di vendita di Alitalia Maintenance Systems ma le offerte presentate, secondo i dipendenti dell'azienda, avevano solo intenti speculativi, privi di alcun interesse circa la valorizzazione della societa' che vanta tra l'altro il primato italiano per questo genere di manutenzioni, certificata ai piu' alti livelli internazionali. È inimmaginabile che uni compagnia aerea riesca a volare senza sottoporre a revisione periodico i motori dei propri aerei; dal 12 gennaio 2009, giorno del passaggio ufficiale di Alitalia a Cai, sono stati mandati in manutenzione soltanto quattro motori. Pare inoltre che la politica di Cai sia volta esclusivamente all'abbattimento dei costi; a dimostrazione di cio' quanto accaduto lo scorso 12 aprile. In tale data, infatti, scaduto il contratto in house con AMS, i vertici della Compagnia Aerea Italiana non hanno provveduto al rinnovo dello stesso; si e' assistito a qualche tentativo di esternalizzare alcuni servizi, ma con scarsissimi risultati, come dimostra quanto avvenuto qualche mese fa, quando Cai ha fatto curare la manutenzione di un aeroplano da una societa' turca. L'aeromobile e' stato mandato in Turchia, con evidenti costi di carburante, ma, non bastasse cio', ritornato in Italia, l'aereo ha manifestato maggiori guasti di quanti non ne avesse precedentemente, dovendo di conseguenza procedere ad una nuova revisione, ma stavolta in Italia; mandare all'estero un motore o un aereo in manutenzione presenta notevoli costi. Cominciando dal dover far viaggiare l'aeromobile vuoto, passando per il notevole costo del carburante, fino a giungere ad un intero equipaggio impiegato per tale viaggio. Dunque, in termini economici, risulta evidente quanto sia sconveniente effettuare la manutenzione all'estero; dal 1 o maggio 2009 i 370 dipendenti di AMS sono in Cassa integrazione continuativa e, forse, riprenderanno a lavorare dal 20 maggio con tutte le problematiche che ne conseguono: l'Inps non paga loro i contributi e molti di questi dipendenti, per forza di cose, sono finiti nelle cosiddette black list delle banche; e' da evidenziare che il 14 settembre 2008 il Governo ha sottoscritto con le organizzazioni dei lavoratori Alitalia un accordo con il quale Cai si impegnava a mantenere la continuita' delle attivita' di manutenzione pesante e della relativa occupazione, attraverso l'individuazione da parte del commissario, delle migliori offerte di acquisto e la stipula da parte di Cai di un contratto di fornitura di servizio a condizioni di mercato e, la partecipazione della stessa al capitale della societa' -: se il Ministro, a conoscenza della situazione in cui versa Alitalia Maintenance Systems, intenda assumere iniziative affinche' venga rispettato l'accordo, al fine di salvaguardare un'azienda altamente qualificata a livello internazionale in ambito della sicurezza degli aeromobili. (5-01431)
xsd:string INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE 5/01431 presentata da MISITI AURELIO SALVATORE (ITALIA DEI VALORI) in data 20090519 
xsd:integer
20090519-20091201 
INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE 5/01431 presentata da MISITI AURELIO SALVATORE (ITALIA DEI VALORI) in data 20090519 
INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE 
xsd:dateTime 2014-05-15T02:09:06Z 
5/01431 
MISITI AURELIO SALVATORE (ITALIA DEI VALORI) 

blank nodes

SOTTOSEGRETARIO DI STATO INFRASTRUTTURE E TRASPORTI 
20091201 

risorse dalla linked data cloud