INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE 5/00325 presentata da AMICI SESA (PARTITO DEMOCRATICO) in data 20080905

http://dati.camera.it/ocd/aic.rdf/aic5_00325_16 entità di tipo: aic

Atto Camera Interrogazione a risposta in Commissione 5-00325 presentata da SESA AMICI venerdi' 5 settembre 2008, seduta n.049 AMICI. - Al Ministro dello sviluppo economico. - Per sapere - premesso che: in Italia non esiste un piano nazionale delle frequenze e la normativa in materia di radiotelevisioni (cosiddetta Legge Gasparri) ed il sistema di assegnazione delle frequenze, e' stato ritenuto dalla Corte europea contrario alle norme comunitarie perche' viola i principi di obiettivita', trasparenza e non discriminazione; le telestreet sono micro emittenti televisive che trasmettono il segnale televisivo, in una ristretta area di copertura, occupando il «cono d'ombra» delle frequenze televisive principali, senza pero' creare alcun disturbo alla corretta ricezione dei canali tradizionali; le attivita' di trasmissione vengono solitamente promosse da associazioni, gruppi di persone o singoli cittadini che utilizzano lo strumento televisivo a fini di utilita' sociale e aggregativa, senza scopo di lucro e senza far ricorso a spot pubblicitari, con il solo fine di promuovere dal basso un informazione partecipata; il Gip del Tribunale di Ancona con ordinanza del 1 o marzo 2005 ha deciso per il proscioglimento in istruttoria della Disco Volante Telestreet, chiusa con sigilli del Ministero delle telecomunicazioni, per reato di esercizio di trasmissione abusiva in assenza di autorizzazione o concessione, motivando che trattandosi di emittente televisiva a cortissimo raggio, deve ritenersi esente da autorizzazione o concessione, in quanto trasmette sfruttando un cono d'ombra nello spettro delle frequenze, senza creare alcuna interferenza ad altre emittenti o segnali; recentemente il Tribunale di Gaeta ha emesso un'ordinanza per il caso Telemonteorlando, telestreet che dal 2001 diffonde interrottamente le attivita' culturali e le notizie del territorio del Comune di Gaeta sul canale 42 UHF, che non veniva utilizzato da nessun'altra emittente, ordinando alla societa' Gtv-Cps di Pomezia, che vantava una presunta autorizzazione ministeriale sul canale medesimo, il reintegro immediato della frequenza televisiva 42 UHF all'Associazione Tmo e l'eliminazione di ogni interferenza; oggi operano nel Paese centinaia di telestreet e il fenomeno, che va sempre piu' diffondendosi, necessita di una regolamentazione per evitare che le autorita' preposte intervengano per far chiudere tali emittenti, creando situazioni di disagio e anche di limitazione delle possibilita' di espressione -: se e quali iniziative intenda intraprendere al fine di garantire il sereno esercizio del diritto alla liberta' di pensiero e di informazione, in linea con l'articolo 21 della Costituzione e con la normativa comunitaria e, in particolare, se e quali iniziative intenda adottare al fine di colmare il vuoto legislativo in materia e affinche' si evitino altri casi come quelli sopraccitati, volte a stabilire i criteri con cui concedere le autorizzazioni e far si' che le frequenze libere in ambito locale risultanti dalle zone d'ombra nell'irradiazione di segnali televisivi possano essere utilizzati, su base non interferenziale da associazioni senza fini di lucro che abbiano le caratteristiche di fornitori di contenuti audiovisivi. (5-00325)
xsd:string INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE 5/00325 presentata da AMICI SESA (PARTITO DEMOCRATICO) in data 20080905 
xsd:integer
20080905-20081014 
INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE 5/00325 presentata da AMICI SESA (PARTITO DEMOCRATICO) in data 20080905 
INTERROGAZIONE A RISPOSTA IN COMMISSIONE 
xsd:dateTime 2014-05-15T02:01:10Z 
5/00325 
AMICI SESA (PARTITO DEMOCRATICO) 

blank nodes

SOTTOSEGRETARIO DI STATO ISTRUZIONE, UNIVERSITA' E RICERCA 
20081014 

risorse dalla linked data cloud